Esportazione - importazione dei beni librari

La Soprintendenza ai beni librari nell'ambito delle proprie attribuzioni vigila anche sulla esportazione ed importazioni di beni librari, in particolare rilascia attestati di libera circolazione nell'ambito dell'Unione Europea  e licenze di esportazione per i paesi dal di fuori dell'Unione Europea. Effettua controlli, anche su cataloghi di vendita informatici per verificare la presenza sul mercato di beni di particolare interesse locale e non, per i quali eventualmente dare corso alla procedura di dichiarazione di interesse ed impedire dunque l'uscita dal territorio nazionale.

Nell'ambito della vigilanza sui beni di cui al D.Lgs. 42/2004 (Codice dei beni culturali e del paesaggio) la Soprintendenza ai beni librari vigila sulla circolazione dei beni individuati nel DLgs. 42/2004 (libri aventi oltre cento anni,  - isolati o in collezione -; incunaboli, manoscritti, incisioni, stampe, serigrafie, litografie e relative matrici, manifesti aventi oltre cinquanta anni e non appartenerti all'autore).
In particolare rilascia autorizzazioni per le esportazioni definitive e temporanee (in caso di mostre, esposizioni o per restauri od indagini che non possono essere eseguite nel territorio nazionale) dei beni sopra indicati e al contempo vigila anche su quelli che vengono introdotti nel territorio nazionale.
Nell'ambito della vigilanza sul commercio antiquario si inserisce anche la concessione di permessi di  libera circolazione nei paesi dell'Unione Europea, di esportazione definitiva, di quella temporanea e di ingresso nel territorio nazionale.


Contatti