Riproduzione e digitalizzazione

La Soprintendenza ai beni librari cura, promuove e coordina le iniziative e gli interventi diretti alla tutela e valorizzazione delle raccolte bibliografiche e storico-documentarie a tale scopo fissa  i criteri per la riproduzione dei manoscritti, documenti a stampa, audio e visivi (L.R. n° 37/90 art. 3  i).

 

La Soprintendenza ai beni librari coordina e promuove la riproduzione digitalizzata di opere allo scopo di assicurarne la conservazione e la più ampia fruizione, favorendo anche la partecipazione dei diversi Enti proprietari alla Biblioteca Digitale Italiana.
Nell'ambito del Piano di riparto annuale vengono finanziati progetti di cooperazione quale, a titolo esemplificativo, la digitalizzazione di periodici, locali e nazionali, che vede coinvolte alcune biblioteche regionali.
La Regione favorisce anche la digitalizzazione di singole opere di particolare interesse e rarità; a tale scopo i proprietari devono – qualunque sia la fonte di finanziamento, ed anche nel caso la riproduzione digitalizzata avvenga nello stesso luogo di conservazione –  presentare apposita richiesta di autorizzazione alla Soprintendenza ai beni librari, che deve valutare la rispondenza del  progetto alle indicazioni fornite dal Progetto Biblioteca Digitale Italiana, indicando anche la ditta scelta per l'attuazione dell'intervento.

Si segnala di consultare il portale web della Biblioteca Digitale Italiana che promuove e coordina le iniziative di digitalizzazione del patrimonio bibliografico nazionale, fissando standard tecnici e emanando linee guida. .


Contatti