Potenziale produttivo vitivinicolo

L'organizzazione comune del mercato vitivinicolo (OCM vino) è disciplinata dal Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante organizzazione comune dei mercati agricoli dei prodotti agricoli, integrato dal Regolamento delegato (UE) 2015/560 della Commissione del 15 dicembre 2014 per quanto riguarda il sistema di autorizzazioni per gli impianti viticoli.

Il Regolamento di esecuzione (UE) 2015/561 della Commissione del 7 aprile 2015 stabilisce modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1308/2013 relativamente al sistema delle autorizzazioni per gli impianti viticoli.

Il decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali 15 dicembre 2015, n. 12272 detta disposizioni nazionali di attuazione della normativa comunitaria in materia di autorizzazioni per gli impianti viticoli.

L'AGEA con le istruzioni operative prot. n. ACIU.2016.49 del 1 febbraio 2016 ha emanato disposizioni nazionali di attuazione del D.M. n. 12272 del 15 dicembre 2015.

Con precedente circolare AGEA n. ACIU.2011.143 del 17 febbraio 2011 sono state emanate istruzioni generali per la misurazione dei vigneti in Italia, applicabili ai procedimenti relativi al potenziale viticolo.

La Regione gestisce i procedimenti amministrativi ed i controlli relativi al potenziale viticolo connessi all'attuazione della normativa comunitaria e nazionale sopra richiamata.

A seguito dell'entrata in vigore dal 1 gennaio 2016 del nuovo sistema di autorizzazioni per gli impianti viticoli, con D.G.R. n. 1250 del 3.11.2016 sono state adottate le nuove disposizioni regionali per la gestione del potenziale produttivo viticolo e la relativa modulistica.

 

 

 

Elenco delle varietà di viti idonee alla coltivazione nella Regione Umbria
 

DD n.3632 del 17.04.2019
Idoneità DOCG Montefalco Sagrantino e DOC Orvieto e Orvieto Classico

 

Modello A - Richiesta allineamento idoneità UNAR