In evidenza

Impresa comune circolare biobased 2024- Invito a presentare proposte -Scadenza: 18 settembre 2024

Con uno stanziamento di 213 milioni di euro, l'impresa comune per l'economia circolare a base biologica (Circular Bio-Based Economy Joint Undertaking, CBE JU) ha lanciato il suo invito a presentare proposte di progetti per il 2024, con l'obiettivo di promuovere la competitività delle industrie circolari a base biologica in Europa. Il finanziamento, distribuito su 18 temi, si allinea a tre obiettivi primari: accelerare l'innovazione, facilitare la diffusione sul mercato e garantire la sostenibilità ambientale dei sistemi industriali a base biologica. I candidati ai progetti contribuiranno attraverso varie azioni, tra cui l'aumento di scala delle innovazioni, la generazione di nuove conoscenze e la promozione del coinvolgimento delle parti interessate. Il bando incoraggia la partecipazione di un'ampia gamma di stakeholder - agricoltori, proprietari di marchi, aziende, organizzazioni di ricerca e autorità locali, solo per citarne alcuni - per guidare collettivamente il progresso della bioeconomia circolare europea.

18 temi di finanziamento per sostenere tre obiettivi della CBE JU

Nel 2024, l'IC CBE continuerà a sostenere l'aumento di scala delle tecnologie che portano alla diffusione industriale, stimolando così gli investimenti e la creazione di posti di lavoro a livello regionale e locale, in linea con gli obiettivi della CBE JU:

- Accelerare il processo di innovazione e lo sviluppo di soluzioni innovative a base biologica.

- Accelerare la diffusione sul mercato delle soluzioni biobased mature e innovative esistenti

- Garantire un alto livello di prestazioni ambientali dei sistemi industriali a base biologica.

I candidati al progetto sosterranno l'attuazione di questi obiettivi attraverso 18 temi con un budget totale indicativo di 213 milioni di euro:

Azioni di innovazione - flagship (IA-flagship)

  • Catene del valore biobased per la valorizzazione di colture oleaginose sostenibili - 20 milioni di euro
  • Prodotti chimici di piattaforma dedicati a base biologica attraverso una conversione della biomassa efficace sotto il profilo dei costi, sostenibile ed efficiente sotto il profilo delle risorse - 20 milioni di euro
  • Catene del valore biobased per la valorizzazione di materie prime di fibre naturali sostenibili - 20 milioni di euro

Azioni di innovazione (IA)

  • Materiali e prodotti biobased per applicazioni biodegradabili nel suolo - 15 milioni di euro
  • Microalghe sostenibili come materia prima per applicazioni innovative a valore aggiunto - 15 milioni di euro
  • Ampliamento del portafoglio di solventi "Safe and Sustainable by design" (SSbD) prodotti commercialmente - 15 milioni di euro
  • Materiali circolari e SSbD a base biologica per l'edilizia con proprietà funzionali - 15 milioni di euro
  • Produzione (co)selettiva e sostenibile di aromatici derivati dalla lignina - 15 milioni di euro
  • Adesivi e leganti innovativi a base biologica per prodotti circolari che soddisfano i requisiti di mercato - 15 milioni di euro
  • Conversione innovativa del carbonio gassoso biogenico in prodotti chimici, ingredienti e materiali a base biologica - 15 milioni di euro

Azioni di ricerca e innovazione (RIA)

  • Valorizzazione del legno inquinato/contaminato proveniente da flussi di rifiuti industriali e post-consumo - 7 milioni di euro
  • Percorsi biotecnologici per ottenere prodotti chimici/materiali biobased in sostituzione di quelli di origine animale - 7 milioni di euro
  • Alternative sostenibili e biobased per la protezione delle colture - 10 milioni di euro
  • Materiali di rivestimento biobased SSbD per applicazioni in condizioni difficili e/o estreme - 7 milioni di euro
  • Ingredienti innovativi a base biologica per alimenti/mangimi - 7 milioni di euro

 Azioni di coordinamento e sostegno (CSA)

  • Nuove forme di cooperazione nel settore agricolo e forestale - 4 milioni di euro
  • Mobilitare la partecipazione inclusiva nei sistemi biobased e sostenere la strategia di ampliamento dell'IC CBE e il suo piano d'azione - 3 milioni di euro
  • Sostenere il gruppo di lavoro dell'IC CBE sui produttori primari - 3 milioni di euro

Quali sono i requisiti per la partecipazione?

Il bando incoraggia la partecipazione di un'ampia gamma di soggetti interessati - agricoltori, proprietari di marchi, aziende, organizzazioni di ricerca e autorità locali, solo per citarne alcuni - per sostenere la diffusione di soluzioni biobased.

I requisiti per la presentazione delle proposte sono dettagliati nei documenti del bando pubblicati su ogni pagina tematica.

Il budget del bando CBE JU proviene da Horizon Europe, il programma di finanziamento dell'UE per la ricerca e l'innovazione. È pubblicato sul portale dell'UE Funding & tender opportunities.

Dal 24 aprile 2024, i candidati possono presentare la loro proposta per via elettronica, seguendo il link dalla rispettiva pagina tematica.

I bandi e le rispettive pagine tematiche sono disponibili al seguente link con maggiori informazioni allegate


Programma quadro Horizon Europe (HORIZON)-Politiche e governance che danno forma ai futuri sistemi di trasporto e mobilità- Scadenza: 5 settembre 2024

L'iniziativa "Policies and Governance Shaping the Future Transport and Mobility Systems", con un budget di 3 milioni di euro, mira a promuovere servizi di mobilità sicuri, resilienti e intelligenti per passeggeri e merci in Europa. L'iniziativa mira a modernizzare le infrastrutture di trasporto, promuovendo operazioni più pulite ed efficienti e riducendo gli incidenti, la congestione e il consumo di energia. Attraverso la ricerca e l'innovazione, l'iniziativa mira a rafforzare la sicurezza, la sostenibilità e i benefici economici in tutte le modalità di trasporto. In linea con la visione del Piano strategico per una mobilità continua e sostenibile, l'iniziativa pone l'accento sulle tecnologie incentrate sull'utente. Gli obiettivi principali includono l'accelerazione dell'adozione di tecnologie di mobilità connesse, cooperative e automatizzate, il potenziamento dei sistemi di trasporto multimodali e il miglioramento degli standard di sicurezza in tutte le modalità di trasporto.

Risultati attesi:

Si prevede che i progetti contribuiscano a tutti i seguenti risultati:

  • Una migliore comprensione degli effetti della governance[1], delle politiche[2] e degli incentivi, ma anche dell'uso del territorio e della pianificazione spaziale, sulla scelta di individui, famiglie o gruppi sociali di diversa natura di utilizzare una specifica modalità di trasporto e/o mobilità.
  • Rafforzamento dell'impegno pubblico nella definizione di politiche di trasporto e mobilità co-create.
  • Interventi politici efficaci, co-creati con i gruppi di riferimento e basati su politiche di alta qualità; rafforzamento dei modelli di cooperazione tra ricerca e politica per rafforzare l'impatto e la fiducia nella scienza.
  • Politiche nazionali, regionali e transnazionali dei trasporti e della mobilità più efficaci e sostenibili verso approcci accettati, basati su una prospettiva di sistema.
  • Sfruttare meglio il potenziale dei dati digitalizzati sulla mobilità, proteggendo al contempo la privacy dei cittadini.
  • Fornire concetti e raccomandazioni politiche che integrino in modo sostenibile il trasporto di passeggeri e merci, al fine di creare un sistema di mobilità olistico a prova di futuro.

Clicca qui per partecipare al bando

Ulteriori informazioni inclusi gli allegati del bando sono disponibili al seguente link.


Programma per il mercato unico (SMP)- Enterprise Europe Network -Scadenza: 19 settembre 2024

Enterprise Europe Network (EEN) mira a migliorare la cooperazione transfrontaliera delle PMI, l'integrazione della sostenibilità, l'adozione dell'innovazione e la digitalizzazione. Con un budget di 25,6 milioni di euro, facilita l'accesso delle PMI ai mercati, ai partner e alle opportunità di finanziamento all'interno e all'esterno dell'UE. La rete fornisce servizi di consulenza su misura, compreso il supporto alla sostenibilità e alla digitalizzazione, per rafforzare la competitività e la resilienza delle PMI. Attraverso i suoi servizi completi, l'EEN mira a migliorare la visibilità delle PMI, ad accrescere la loro portata globale e a rafforzare la loro capacità di affrontare le sfide e cogliere le opportunità in un panorama imprenditoriale in continua evoluzione. 

Risultati attesi:

  • Aumento del numero di PMI collegate ad altre entità in Europa e al di fuori di essa per la cooperazione commerciale transfrontaliera, il trasferimento di tecnologia e conoscenza e i partenariati tecnologici e di innovazione;
  • Aumento del numero di PMI consapevoli delle sfide e delle opportunità della sostenibilità e che le integrano nei loro processi aziendali;
  • Aumento del numero di PMI che implementano attività di innovazione e integrano approcci strutturati di gestione dell'innovazione per migliorare i loro processi aziendali e sviluppare opportunità di business;
  • Aumento del numero di PMI che integrano la digitalizzazione per migliorare i propri processi aziendali e sviluppare nuove opportunità di business;
  • Tasso più elevato di PMI europee che esportano all'interno del mercato unico e al di fuori dell'UE;
  • Aumento del tasso di partecipazione delle PMI europee ai programmi dell'UE;
  • Miglioramento della comprensione da parte delle PMI europee della legislazione dell'UE e delle opportunità offerte dai programmi dell'UE e dall'accesso ai finanziamenti dell'UE;
  • Aumento del numero di aziende che dichiarano di aver ottenuto risultati positivi per la loro attività in termini di fatturato e di posti di lavoro creati;
  • Migliore visibilità dell'EEN attraverso la promozione di storie di successo;
  • Migliore conoscenza/comprensione all'interno delle istituzioni europee delle opinioni, delle difficoltà e delle aspettative delle PMI.

Scopo:

La rete Enterprise Europe Network (EEN) fornisce servizi di supporto e consulenza alle imprese - in particolare alle PMI - offrendo informazioni, servizi di consulenza, servizi di feedback e di partnership, servizi di innovazione, tecnologia e trasferimento di conoscenze. La rete fornisce servizi che incoraggiano la partecipazione delle PMI alle opportunità offerte dal Programma per il mercato unico (SMP) e da Horizon Europe, nonché servizi di internazionalizzazione al di fuori del mercato unico e informa le PMI sull'accesso ai finanziamenti e alle opportunità di finanziamento (InvestEU), compresi quelli dei Fondi strutturali e di investimento europei.

Le attività dell'EEN contribuiscono direttamente all'attuazione della strategia per le PMI e svolgono un ruolo importante nell'aiutare le PMI a riprendersi dalle varie crisi, come la COVID-19, le questioni legate all'aggressione russa in Ucraina e altre interruzioni della catena di approvvigionamento. L'EEN continuerà a fornire servizi di consulenza sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione per fornire alle PMI il supporto necessario per accelerare la doppia transizione. Allo stesso tempo, l'EEN è una cassa di risonanza e un collegamento tra la Commissione e la comunità delle PMI nell'attuazione della strategia per le PMI, del piano industriale Green Deal, della strategia industriale europea aggiornata e di altre priorità politiche dell'UE, come il rafforzamento dell'autonomia strategica aperta dell'UE e della competitività a lungo termine.

Clicca qui per visionare il documento del bando

Ulteriori informazioni sono qui disponibili.


Fondo Sociale Europeo- Bando per l'innovazione sociale- Scadenza: 4 luglio 2024

Il bando per l'innovazione sociale mira a migliorare le decisioni di investimento e la trasparenza nelle imprese sociali e nelle aziende ad impatto. Con un budget di 4,5 milioni di euro, offre servizi di dati e strumenti avanzati per soddisfare le esigenze di investimento. Favorendo l'allineamento con il Pilastro europeo dei diritti sociali, promuove il progresso in aree del benessere sociale come: pari opportunità, sostegno attivo all'occupazione, occupazione sicura e adattabile, assistenza all'infanzia e sostegno all'infanzia, assistenza all'infanzia e sostegno ai bambini, protezione sociale Protezione sociale, inclusione delle persone con disabilità, assistenza a lungo termine, alloggi e assistenza ai senzatetto e accesso ai servizi essenziali. In definitiva, l'iniziativa mira a rafforzare i gruppi emarginati e a promuovere un cambiamento positivo attraverso efficaci pratiche di investimento a impatto sociale.

Quindi l'obiettivo del bando è quello di promuovere la fornitura di servizi di capacità di dati migliorati, nonché di strumenti e pratiche di gestione dell'impatto per gli enti a finalità sociale (come - ma non solo - imprese sociali, enti dell'economia sociale, start-up sociali, imprese ad impatto) per aumentare la loro capacità di investimento ad impatto sociale.

Per ulteriori informazioni inerenti al bando cliccare qui.


Horizon Europe 2024, 63 milioni di euro disponibili per i nuovi bandi del Cluster 6

Nell'ambito di Horizon Europe sono ora aperti nuovi inviti a presentare proposte di ricerca per un valore complessivo fino a 63 milioni di euro per finanziare progetti su temi quali i sistemi alimentari sostenibili, la lotta al cambiamento climatico o l'agricoltura.

Tali bandi sono inseriti nel Cluster 6, volto a ridurre il degrado ambientale, ad arrestare e invertire il declino della biodiversità sulla terra, nelle acque interne e nel mare e a gestire meglio le risorse naturali attraverso cambiamenti trasformativi dell'economia e della società sia nelle aree urbane che in quelle rurali. Tale cluster mira quindi a garantire la sicurezza alimentare e nutrizionale per tutti entro i confini planetari attraverso la conoscenza, l'innovazione e la digitalizzazione nell'agricoltura, nella pesca, nell'acquacoltura e nei sistemi alimentari e a guidare e accelerare la transizione verso un'economia circolare a basse emissioni di carbonio ed efficiente sotto il profilo delle risorse e una bioeconomia sostenibile (compresa la silvicoltura).

Tali attività di ricerca e innovazione contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo legati alla Strategia per la biodiversità al 2030, alla strategia Farm to Fork, al Patto europeo per il clima e alle iniziative nell'ambito dell'industria sostenibile e dell'eliminazione dell'inquinamento, nonché alla visione a lungo termine per le aree rurali e agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Fanno parte di tale Cluster 8 diversi bandi:

  • il bando sulla Biodiversità e servizi ecosistemici (che, per l’appunto, prevedeva un finanziamento da parte della Commissione Europea per la protezione della biodiversità e degli ecosistemi sulla terra, nelle acque interne e nel mare), per il quale è stato possibile candidarsi fino al 22 febbraio;
  • il bando sull’Economia circolare e settori della bioeconomia (diretto al finanziamento della ricerca e dell’innovazione per sviluppare soluzioni per la gestione e l’uso sostenibile e circolare delle risorse naturali), aperto fino al 22 febbraio scorso;
  • il bando sull’Ambiente pulito e inquinamento zero (che prevedeva un finanziamento da parte della Commissione per la ricerca e l'innovazione sviluppando soluzioni per affrontare l'inquinamento e garantire a tutti terreni, aria, acqua dolce e marina puliti e sani), per il quale è stato possibile candidarsi fino al 22 febbraio;
  • il bando sulle Comunità rurali, costiere e urbane resilienti, inclusive, sane e verdi (con cui la Commissione finanzia la ricerca e l'innovazione per favorire lo sviluppo sostenibile ed equilibrato delle aree rurali, costiere e urbane), il cui processo di candidatura si è chiuso il 22 febbraio scorso;
  • il bando sulla Governance innovativa, osservazioni ambientali e soluzioni digitali a sostegno del Green Deal (con cui si finanzia la ricerca e l'innovazione sviluppando soluzioni digitali e basate sui dati innovative per aiutare le comunità e i settori economici a diventare sostenibili), per il quale sarà possibile presentare la propria candidatura fino al 25 giugno 2024;
  • il bando sui Sistemi alimentari equi, sani e rispettosi dell'ambiente dalla produzione primaria al consumo (con cui si finanzia la ricerca e l'innovazione per sviluppare un'agricoltura, una pesca e un'acquacoltura sostenibili, sicure, sane e inclusive), al quale è possibile partecipare fino al 24 settembre 2024;
  • il bando su Terra, oceani e acqua per l'azione per il clima (per il quale la Commissione finanzia progetti di ricerca e innovazione che valutano gli impatti dei cambiamenti climatici sui nostri ambienti terrestri e marini, sulle risorse naturali, sull’agricoltura e sui sistemi alimentari e identificano opzioni di mitigazione e percorsi di adattamento), per il quale è possibile presentare la propria candidatura fino al 24 settembre 2024;
  • il bando EU Mission: Un accordo sul suolo per l'Europa (con cui la Commissione finanzia la ricerca e l'innovazione per proteggere e ripristinare i suoli in Europa e oltre), aperto fino all'8 ottobre 2024.

 

Per avere maggiori informazioni sulle categorie di team che possono candidarsi, sul processo di candidatura e sulle tipologie di progetti che possono essere finanziati e su tutte le altre questioni tecniche clicca qui.

Per avere maggiori informazioni su come gestire il progetto, sulle sovvenzioni e sulla rendicontazione, sui requisiti per la comunicazione del proprio progetto e su come diffondere e sfruttare i risultati del progetto clicca qui.

Per qualsiasi dubbio è possibile consultare le FAQ e il Manuale online pubblicati sul portale Funding and tenders portal nonché i webinar e le registrazioni su “Come preparare una proposta di successo in Horizon Europe”. Inoltre, per richiedere supporto è possibile rivolgersi agli uffici incaricati (la cui lista è consultabile qui), come l’Help Desk italiano.

Per ulteriori informazioni sul Cluster preso in esame clicca qui.


Primo bando per il finanziamento della ricerca del Partenariato europeo per la salute e il benessere degli animali

Il Partenariato europeo per la salute e il benessere degli animali (o EUPAHW, European Partnership on Animal Health and Welfare, l'ambiziosa iniziativa di ricerca e innovazione che la Commissione Europea ha lanciato quest’anno e finanziato attraverso il programma Horizon Europe per controllare le malattie infettive degli animali e promuoverne il benessere) ha indetto il suo primo bando “Supporting the Future of Animal Health and Welfare”, aperto dall’8 maggio scorso fino alle ore 15 dell’8 luglio 2024.

Le domande di finanziamento nell'ambito di tale bando possono essere presentate esclusivamente attraverso la piattaforma online ufficiale e il processo di candidatura si compone di due fasi separate e consecutive, ovvero la pre-proposta e la proposta completa.

La prima fase, quella della pre-proposta, è già aperta e verrà chiusa, come accennato, l'8 luglio 2024 alle ore 15; è possibile consultare il modello di pre-proposta disponibile sulla pagina ufficiale. Dopodichè, si prevede che il gruppo di valutazione EUPAHW valuterà e classificherà le proposte preliminari ammissibili, selezionandole per la seconda fase di candidatura in base a questa classifica e alla disponibilità di finanziamenti e informando i coordinatori del progetto dei risultati della prima fase di valutazione via e-mail entro la metà di novembre 2024. A quel punto, i coordinatori delle pre-proposte selezionate saranno invitati a presentare una proposta completa per conto del loro consorzio.

Per cercare un partner disponibile è possibile inoltre utilizzare lo strumento di partnership che aiuta a trovare possibilità di cooperazione all'interno dei bandi EUPAHW sia tramite la pubblicazione di un'offerta/richiesta di un partner sia cercando nell'elenco delle offerte/richieste di partner pubblicate da altri.

Lo scorso 14 maggio si è svolto un webinar per i candidati e sarà presto possibile consultare le slide della presentazione e un documento FAQ nell'area download nella parte sinistra della pagina ufficiale.

Per qualsiasi dubbio o per richiedere assistenza tecnica è possibile contattare l'ufficio di EUPAHW scrivendo all'indirizzo mail ptj-pahw@fz-juelich.de o contattando telefonicamente i due responsabili, ovvero il dottor Frank Hensgen (chiamando al numero +49 2461 61 85443) e la dott.ssa Diane Drescher-Petersen (chiamando al numero +49 2461 61 9454).

Per ulteriori informazioni sul bando in questione clicca qui.


Gabriella Ceccarelli Regione Umbria - Sede di Bruxelles
Rond Point Schuman , 14 - 1040 Bruxelles
Tel. +32.2.2868573
Fax +32.2.2868578