Demanio idrico

Demanio idrico

Il demanio idrico comprende tutti i beni pubblici afferenti i corsi d'acqua regionali.

L'utilizzo di aree appartenenti al demanio idrico, è possibile solo attraverso un atto di  concessione  rilasciato dalla Regione (Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico) previa acquisizione dell'autorizzazione ai fini idraulici (R.D.523/1904).

Le concessioni sono a titolo oneroso e prevedono il pagamento di un canone annuale,  determinato sulla base delle disposizione emanate dalla Giunta regionale con delibera 925/2003, queste possono essere rinnovate dietro presentazione di domanda entro la scadenza del titolo.

Alla sottoscrizione dell'atto di concessione, il concessionario dovrà attestare l'avvenuto pagamento in favore della Regione del deposito cauzionale pari ad una annualità del canone, delle spese di registrazione, nonché della prima annualità del canone.

 

Gli utilizzi più frequenti riguardano:

Occupazione per la  realizzazione e mantenimento di attraversamenti di corsi d'acqua con condotte gas/acqua/fognatura, linee telefoniche ed elettriche, ponti stradali e ferroviari, passaggi pedonali e ciclabili, costruzione di manufatti, nonché per usi agricoli .

L'utilizzo richiesto è subordinato al rispetto delle condizioni contenute nell'autorizzazione ai fini idraulici, che vincola dal punto di vista tecnico l'atto di concessione.

 

La domanda

La domanda di concessione va presentata al Servizio Risorse idriche e rischio idraulico contestualmente alla richiesta di autorizzazione ai fini idraulici unitamente agli elaborati progettuali in triplice copia.

 

Acque pubbliche

Appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico tutte le acque sotterranee, ancorchè non estratte, e le acque superficiali, anche raccolte in invasi o cisterne.

Le acque costituiscono una risorsa limitata che va tutelata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà; qualsiasi loro uso è effettuato salvaguardando le aspettative ed i diritti delle generazioni future a fruire di un integro patrimonio ambientale nel rispetto del MDV.

L'uso e il prelievo delle acque pubbliche sono regolamentati da normativa dello Stato ( Testo Unico delle disposizioni di legge sulle acque pubbliche e impianti elettrici approvato con R.D. n.1775 del 11/12/1933  ) e da disposizioni legislative e amministrative della Regione e possono essere effettuati a fronte del rilascio di concessione.

 

La domanda

La domanda di concessione va presentata al Servizio Geologico e gestione delle competenze regionali in materia di acque pubbliche contestualmente alla richiesta di autorizzazione ai fini idraulici completa degli elaborati progettuali in triplice copia. La domanda è soggetta a bollo, fatti salvi i casi di esenzione ex D.P.R. 642/1972 e s.m.i..

Alla sottoscrizione dell'atto di concessione, il concessionario dovrà attestare l'avvenuto pagamento in favore della Regione del deposito cauzionale, delle spese di registrazione, nonché della prima annualità del canone


SERVIZIO: Risorse idriche, Acque pubbliche, Attività estrattive e Bonifiche
Palazzo del Broletto - Via Mario Angeloni, 61, 06124 Perugia
Dirigente Leonardo Arcaleni
Tel. 075 5042632
Sezione Valorizzazione e Tutele delle Risorse Idriche
Palazzo del Broletto - Via Mario Angeloni, 61, 06124 Perugia
Il Responsabile: Ing. Luca Bartoletti
Tel. 0755044312
Fax 0755044319
Sezione Valorizzazione e Tutele delle Risorse Idriche
Palazzo del Broletto - Via Mario Angeloni, 61, 06124 Perugia
Francesca Claudia Caracciolo
Tel. 0755044317
Sezione Valorizzazione e Tutele delle Risorse Idriche
Via Plinio il Giovane 21 - Palazzo De Santis Terni
Franco Carpine
Tel. 0744484481
Sezione Demanio Idrico
Palazzo del Broletto - Via Mario Angeloni, 61, 06124 Perugia
Responsabile: Fabio Paoletti
Tel. 075 504 2662