8.5 - Sostegno agli investimenti per migliorare la resilienza e il valore ambientale degli ecosistemi forestali

La sottomisura dà attuazione al Piano Forestale Regionale per quanto concerne la gestione sostenibile delle foreste di proprietà pubblica ed è finalizzata a favorire gli investimenti non remunerativi che sono necessari per il raggiungimento di obiettivi ambientali o per valorizzare in termini di pubblica utilità le aree forestali interessate. In particolare, in considerazione del contesto forestale dell'Umbria, caratterizzato dalla notevole diffusione dei boschi cedui e dalla presenza di boschi di conifere di origine artificiale, la misura è rivolta prioritariamente al miglioramento della biodiversità delle foreste attraverso il miglioramento della diversificazione strutturale dei boschi cedui, la rinaturalizzazione delle fustaie di conifere di origine artificiale ed il recupero dei castagneti da frutto. 

 

Sono ammesse le seguenti tipologie di intervento:  

  • avviamento all'alto fusto dei boschi cedui;  
  • diradamento di cedui avviati all'alto fusto da almeno 10 anni;  
  • rinaturalizzazione di fustaie di conifere;  
  • realizzazione, ripristino e mantenimento di stagni, laghetti e torbiere all'interno di superfici forestali; 
  • redazione/aggiornamento di piani di gestione forestale. 

 

 

Tipo di sostegno:

 

  

Sovvenzione in conto capitale. 

 

 

Beneficiari: 

 

 

Regione o altro ente pubblico da essa delegato. 

 

 

Spese elegibili:

 

 

  • Spese per la realizzazione degli interventi selvicolturali; 
  • Spese relative alla redazione dei piani di gestione forestale ed all'acquisizione della certificazione.  

 

 

Condizioni di ammissibilità:

 

 

La misura nel suo complesso è finalizzata a garantire il miglioramento delle funzioni di interesse pubblico svolti dalle foreste ed in particolare: la conservazione ed il miglioramento della biodiversità (diversificazione strutturale e recupero di popolamenti in regressione) e la la resilienza degli ecosistemi.  

 

 

Principi relativi alla definizione dei criteri di selezione: 

 

 

I criteri di selezione indicati in ordine decrescente sono: 

  • intereventi prevalentemente ricadenti nelle aree della Rete Natura 2000; 
  • interventi prevalentemente ricadenti in altre aree protette; 
  • maggiore superficie dell'intervento.  

 

A parità di punteggio sarà data preferenza agli interventi posti a quota superiore. 

 

 

Importi e tassi di sostegno: 

 

 

In considerazione delle finalità pubbliche della misura l'intensità dell'aiuto è così definita:  

 100% dei costi dell'investimento ammissibile sostenuti dalle autorità pubbliche. 


Contatti