sisma; psr, cecchini: "ok commissione europea a utilizzo risorse aggiuntive per area cratere"

 

 

(aun) – perugia, 4 dic. 017 - "La Giunta regionale ha ratificato oggi la decisione con cui la Commissione Europea ha approvato le modifiche al Piano di sviluppo rurale dell'Umbria (Psr) 2014-2020 a seguito del contributo di solidarietà di Regioni e Ministero per le aree del cratere colpite dal sisma. Si tratta di quasi 52 milioni di euro di risorse aggiuntive che verranno utilizzate per il mantenimento e lo sviluppo economico delle attività agricole ed agroambientali dell'area": lo ha annunciato l'assessore regionale all'agricoltura Fernanda Cecchini ricordando che a seguito degli eventi sismici la Conferenza Stato-Regioni aveva sancito l'intesa per uno storno parziale delle risorse finanziarie assegnate ai diciotto Psr italiani per le annualità 2018-2020 a favore dei Psr delle Regioni colpite dal terremoto: Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio.

   "Le misure che abbiamo individuato e su cui convergeranno le risorse aggiuntive – ha detto Cecchini - serviranno per rafforzare il contesto competitivo delle aree maggiormente colpite. In particolare – ha spiegato l'assessore – 14 milioni di euro verranno finalizzati per gli investimenti delle aziende agricole e agroalimentari, 3 milioni di euro a sostegno dei giovani agricoltori, 7 milioni per le infrastrutture e servizi alle popolazioni di carattere sociale, culturale, sportivo e ricreativo e 2 milioni 595 mila euro ai Gal Valle Umbra e Sibillini e Gal ternano per il supporto ‘Leader' allo sviluppo locale finalizzati ad investimenti pubblici e privati per la promozione territoriale. Le rimanenti risorse sono rivolte a misure per la  diversificazione, il benessere animale, le indennità compensative per le zone montane e gli aiuti alle imprese agricole ubicate nel  cratere.  La filosofia che sottende alla ripartizione – ha aggiunto Cecchini – è quella di creare le migliori condizioni per mantenere e sviluppare l'attività economica legata alla agricoltura, all'agroambiente e alla zootecnia ed evitare lo spopolamento delle zone colpite. Si tratta di risorse dedicate che costituiscono un contributo importante per la ripresa di questi luoghi attraverso le misure individuate e per le quali – ha concluso l'assessore - andremo a breve a definire le modalità di attuazione.