Inquinamento luminoso
L'inquinamento luminoso è causato da quelle fonti di illuminazione che, realizzate in maniera poco accorta, disperdono parte della luce prodotta verso l'alto rischiarando così il cielo notturno. Si tratta di un problema molto diffuso che, specialmente in vicinanza dei maggiori centri abitati, rende il cielo meno buio e rende problematica sia l'attività scientifica di osservazione astronomica, sia il semplice godimento della volta stellata.

 Disperdere luce al di fuori delle aree che è opportuno e necessario illuminare, non costituisce soltanto un danno ambientale, ma rappresenta anche un inutile spreco di energia e, quindi, di risorse economiche.

Benché non esista una normativa nazionale che disciplini questa forma di inquinamento, l'Umbria ha deciso di affrontare il problema emanando la Legge Regionale n. 20 del 28/02/2005  «Norme in materia di prevenzione dall'inquinamento luminoso e risparmio energetico».

Si tratta di una Legge quadro che sancisce i principi generali per la tutela del cielo notturno e stabilisce alcuni parametri fondamentali per la realizzazione degli impianti di illuminazione esterna.

Con il Regolamento Regionale n. 2 del 5 aprile 2007, sono stati definiti i requisiti tecnici e le misure di salvaguardia e risanamento necessari per la progressiva riduzione dei fenomeni di inquinamento luminoso.

Con successito atto, sono statiindividuate zone di particolare protezione degli osservatori astronomici.


Contatti

Servizio Energia, qualità dell'ambiente, rifiuti, attività estrattive, bonifica
Via Mario Angeloni, 61 - 06124 Perugia
Dirigente ad Interim Ing. Sandro Costantini
Tel. 075 504 6485
Sezione efficienza energetica e qualità dell'aria
Via Mario Angeloni, 61 - 06124 Perugia
Responsabile Marco Trinei
Tel. 075 504 5956