Sociale
Il Piano sociale regionale è il principale atto di indirizzo con il quale la Regione detta ai Comuni, che hanno titolarità politica e gestionale nel settore delle politiche e dei servizi sociali, i criteri di riferimento per la programmazione.
Sulla base della legge nazionale n. 328/2000 e della legge regionale n. 23/2007 il Piano sociale delinea l'assetto istituzionale per la programmazione e la gestione associata dei servizi ed interventi sociali territoriali, suddividendo il territorio in 12 Ambiti territoriali, ora definiti Zone sociali, cui spettano le funzioni in materia di politiche sociali.
La Regione, inoltre, istituisce, con Legge regionale del 29 luglio 2009 , n. 18, il Garante per l'infanzia e l'adolescenza e con Legge del 18 ottobre del 2006, n. 13, l'ufficio del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.
Per avere indicazioni e/o risposte ai propri bisogni, il cittadino può rivolgersi all'Ufficio della cittadinanza (UDC) che è un servizio sociale locale di primo livello situato nei diversi comuni del territorio. Sulla base della programmazione regionale i servizi territoriali dei comuni erogano azioni ed interventi a favore di diversi soggetti e in specifici settori.

Notizie

Contenuti con sezione di competenza Sociale .

DD n. 10859 del 20/10/2017 "Approvazione del Bando 2017 per la presentazione di proposte progettuali nell'area sociale. Determinazioni.". Approvazione della graduatoria.


 Determinazione dirigenziale n. 12725 del 29/11/2017 di approvazione della graduatoria  ai sensi del punto 7 del Bando di cui alla DD n. 10859 del 20/10/2017:

- elenco dei progetti non ammissibili con relativa motivazione in base a quanto indicato nel punto 6 del Bando

- elenco dei progetti ammissibili, con il relativo punteggio assegnato

- elenco dei progetti finanziati con indicazione del contributo assegnato

 

.........................................................................................................................................................

Bando 2017 per la presentazione di proposte progettuali nell'area sociale

Le proposte progettuali devono essere inviate, pena l'esclusione:

  • entro e non oltre il termine perentorio, previsto a pena di inamissibilità: delle ore 23.59 del giorno 10 novembre 2017
  • a mezzo PEC, al seguente indirizzo: direzionesanita.regione@postacert.umbria.it
  • l'oggetto della PEC dovrà riportare la seguente dicitura: Bando sociale 2017

 

La Giunta regionale dell'Umbria, Servizio Programmazione e sviluppo della rete dei servizi sociali e integrazione socio-sanitaria, con il presente Bando intende promuovere e sostenere progettualità, realizzate nel territorio regionale, rientranti nelle aree sociale, socio assistenziale, socio educativa, socio sanitaria e socio culturale, coerenti con gli indirizzi della programmazione regionale e rivolte a minorenni, giovani, persone vulnerabili o in situazione di difficoltà o di disagio socio-economico, anziani, migranti e persone con disabilità.

 

TESTO DEL BANDO
 

MODELLO DI DOMANDA

 

DGR n. 1185 del 16.10.2017

DD n. 10859 del 20.10.2017

 


Contenuti con sezione di competenza Sociale .

DD n. 10859 del 20/10/2017 "Approvazione del Bando 2017 per la presentazione di proposte progettuali nell'area sociale. Determinazioni.". Approvazione della graduatoria.


 Determinazione dirigenziale n. 12725 del 29/11/2017 di approvazione della graduatoria  ai sensi del punto 7 del Bando di cui alla DD n. 10859 del 20/10/2017:

- elenco dei progetti non ammissibili con relativa motivazione in base a quanto indicato nel punto 6 del Bando

- elenco dei progetti ammissibili, con il relativo punteggio assegnato

- elenco dei progetti finanziati con indicazione del contributo assegnato

 

.........................................................................................................................................................

Bando 2017 per la presentazione di proposte progettuali nell'area sociale

Le proposte progettuali devono essere inviate, pena l'esclusione:

  • entro e non oltre il termine perentorio, previsto a pena di inamissibilità: delle ore 23.59 del giorno 10 novembre 2017
  • a mezzo PEC, al seguente indirizzo: direzionesanita.regione@postacert.umbria.it
  • l'oggetto della PEC dovrà riportare la seguente dicitura: Bando sociale 2017

 

La Giunta regionale dell'Umbria, Servizio Programmazione e sviluppo della rete dei servizi sociali e integrazione socio-sanitaria, con il presente Bando intende promuovere e sostenere progettualità, realizzate nel territorio regionale, rientranti nelle aree sociale, socio assistenziale, socio educativa, socio sanitaria e socio culturale, coerenti con gli indirizzi della programmazione regionale e rivolte a minorenni, giovani, persone vulnerabili o in situazione di difficoltà o di disagio socio-economico, anziani, migranti e persone con disabilità.

 

TESTO DEL BANDO
 

MODELLO DI DOMANDA

 

DGR n. 1185 del 16.10.2017

DD n. 10859 del 20.10.2017

 


Atto di indirizzo di approvazione delle modalità e dei criteri di attuazione per la presentazione di progetti rivolti alla promozione e valorizzazione dell'invecchiamento attivo

Il presente atto di indirizzo  propone l'attuazione di una azione a regia regionale che contempli due filoni/fonti di finanziamento che ne determineranno l'individuazione dei beneficiari delle risorse. Ai fondi FSE potranno accedere le cooperative sociali/imprese sociali (eventualmente anche in ATI/ATS con associazioni di volontariato e Onlus), mentre con i fondi afferenti al Fondo Sanitario Nazionale potranno accedere le associazioni di volontariato e/o Onlus. La modalità di attuazione e attraverso Avviso pubblico per la concessione di contributi (azione a regia regionale Art.12 legge 241/90) per la presentazione di proposte progettuali.

Nel dettaglio le due misure:

- Prima Fonte di finanziamento derivante dal POR Umbria FSE 2014/2020 Asse 2 – priorità di investimento 9.1 - RA9.7 -  individua come Target di spesa: euro 250.000,00 e come Target fisico: 10 progetti da 20.000 euro nell'area di progettazione dell'Art. 293 LR11/2015 Il Tempo libero, l'impegno civile e il volontariato della persona anziana.

Ed ancora 2 progetti il primo da 30.000,00 per la provincia di Perugia, il secondo da 20.000,00 per la provincia di Terni uno per ogni provincia dedicati Area di progettazione dell'Art. n. 294LR 11/2015 Interventi ed azioni per l'implementazione delle nuove tecnologie.

Il criterio di riparto delle risorse viene utilizzato è quello della popolazione anziana residente nelle provincie di Perugia e Terni. L'area geografica di realizzazione è l'intero territorio regionale. I beneficiari finali delle risorse sono cooperative sociali/imprese sociali (eventualmente anche in ATI/ATS con associazioni di volontariato e Onlus). I destinatari finali delle risorse: anziani over 65. Oggetto dell'avviso sarà la valorizzazione e promozione dell'invecchiamento attivo (legge 11/2015 Piano sociale regionale e POR FSE2014/2020)

- Seconda Fonte di finanziamento derivante dal Fondo Sanitario Nazionale (cap. 2227), individua come Target di spesa euro 160.000,00 e come Target fisico: 10 progetti da 16.000 euro nelle aree di progettazione che tiene conto del Piano regionale di Prevenzione sopra citato. Il criterio di riparto delle risorse viene utilizzato è quello della popolazione anziana residente nelle provincie di Perugia e Terni. L'area geografica di realizzazione è l'intero territorio regionale. Area geografica di realizzazione: territorio regionale. I beneficiari finali delle risorse sono: associazioni di volontariato e/o Onlus mentre i destinatari finali delle risorse sono gli anziani over 65 Oggetto dell'avviso: valorizzazione e promozione dell'invecchiamento attivo tenuto conto del Piano Regionale di Prevenzione 201/20218.

 

DGR n. 1278 del 06/11/2017