Sisma Umbria 2016

 

   EMERGENZA SISMA DELL'ITALIA CENTRALE 2016
   Popolazione alloggiata presso le strutture ricettive -
   Popolazione alloggiata nei Container 74
   Popolazione alloggiata nei MAPRE  (moduli abitativi provvisori rurali d'emergenza) 173
   Popolazione alloggiata nei SAE  (soluzioni abitative d'emergenza) 1.786
   Popolazione in autonoma sistemazione 5.144
   Popolazione in altra tipologia di alloggio temporaneo 185
   Totale popolazione 7.362

 

   Alloggi alternativi
   MAPRE  (moduli abitativi provvisori rurali d'emergenza) 68
   SAE  (soluzioni abitative d'emergenza) 752
   SAE (soluzoni abitative d'emergenza) in costruzione 24
   Container Collettivi 11

 

Dati  aggiornati al 18 gennaio 2019

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .

Ti segnaliamo

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .

Attivazione del volontariato
Procedure di attivazione del volontariato

L'impiego del Volontariato è regolamentato dal D. Lgs n.1/2018 artt. 39 e 40, che garantisce, tra l'altro, il mantenimento del posto di lavoro e del trattamento economico/previdenziale del lavoratore, nonché il reintegro delle spese sostenute dall'Organizzazione di Volontariato.

Le Organizzazioni di Volontariato devono essere impiegate nelle attività previa formale attivazione ad opera dell'istituzione che ha il coordinamento e la responsabilità dell'intervento.

In ogni caso, per usufruire dei benefici di cui agli artt. 39 e 40, occorre che l'attivazione sia regolamentata da un atto amministrativo e/o da una nota a firma del Dirigente del Servizio regionale di Protezione Civile.

Per manifestazioni ed eventi che hanno le caratteristiche di "eventi a rilevante impatto locale", come da Direttiva del DPC del 13.11.2012 "Indirizzi operativi volti ad assicurare l'unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di protezione civile" e da Circolare del 06 agosto 2018 "Manifestazioni pubbliche: precisazioni sull'attivazione l'impiego del volontariato di protezione civile", il Sindaco dovrà richiedere i benefici artt. 39 e 40 del D. Lgs1 del 2018 e l'eventuale supporto di Organizzazioni di volontariato al di fuori del proprio territorio comunale al Dirigente del Servizio Protezione civile regionale inviando una PEC a centroprotezionecivile.regione@postacert.umbria.it. 

 

Fase ATTIVAZIONE del Volontariato 
Vengono impiegati in emergenza solo le Organizzazioni operative, vedi elenco e i volontari operativi secondo le disposizioni della D.G.R. n. 1444/2011.

 In caso di impiego di una o più Organizzazioni, regolarmente censite e quindi dichiarate operative, i Sindaci, i Prefetti o loro delegati (c.d. Pubblica Autorità), che chiedono l'intervento sul proprio territorio o che inviano i volontari sui luoghi dove si svolge l'evento, devono darne immediata comunicazione al Servizio Regionale di Protezione civile compilando il modello "INIZIO IMPIEGO" tenendo presente che:

- è da spedire entro le 24h dall'evento tramite posta elettronica certificata a: centroprotezionecivile.regione@postacert.umbria.it.

la squadra dei volontari deve portare con sé il modello ogni qualvolta che si reca sul luogo dell'evento.

- qualora l'emergenza richieda l'impiego dei volontari nei giorni successivi all'attivazione, lo stesso modello va redatto dalla Pubblica Autorità all'inizio di ogni giornata e comunque ad ogni variazione del numero dei volontari e dei mezzi impiegati.

 

FINE ATTIVAZIONE del Volontariato

L'Autorità Pubblica (Sindaco/Prefetto/.....) che ha chiesto l'intervento o che ha usufruito e coordinato l'impiego dei volontari, a conclusione dell'evento, deve dare immediata comunicazione di "FINE IMPIEGO" al Servizio Regionale di Protezione civile, compilando il relativo modello e trasmettendolo via posta elettronica certificata centroprotezionecivile.regione@postacert.umbria.it nel più breve tempo possibile.

La stessa Autorità Pubblica deve rilasciare alle Organizzazioni impiegate gli attestati sia per i singoli Volontari, sia per l'Organizzazione e sia per gli Automezzi; atti necessari anche per svolgere l'istruttoria delle pratiche di rimborso.

La mancata o ritardata comunicazione (INIZIO IMPIEGO/FINE IMPIEGO) da parte del soggetto attivante potrebbe non consentire l'applicazione dei benefici previsti dal D.Lgs. n.1/2018.

 

Il Responsabile dell'Organizzazione deve trasmettere al Servizio Regionale di Protezione Civile il documento "RAPPORTO DI INTERVENTO"a intervento concluso, facendo attenzione ad indicare il periodo di impiego dei volontari e l'attività svolta durante l'evento tramite posta elettronica certificata  centroprotezionecivile.regione@postacert.umbria.it.

Contemporaneamente all'invio delle suddette comunicazioni sarà necessario gestire l'evento e l'impiego del volontariato attraverso il portale zerogis.


Link alla pagina informativa per i cittadini che hanno subito danni dal sisma 2016

 

Link alle donazioni online
  dall'Italia IBAN:
  IT32R0200803033000104429137

  dall'estero IBAN:
  IT32R0200803033000104429137
  COD. BIC SWIFT UNCRITM1J03

  causale: "Regione Umbria  Sisma 2016"

Notizie sul sisma 2016

Dalla Protezione civile

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .

Banner per la galleria fotografica

Contatti

C.O.R. Centro Operativo Regionale
Via Romana Vecchia, 06034 Foligno (PG)
Tel. +39 0742 630 777

Email - Posta Elettronica Certificata


Tutti i contatti e riferimenti utili

 

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .

 

Sono degli spazi pubblici aperti "DigiPASS", distribuiti in tutta la Regione, utili ad accompagnare cittadini e imprese nell'utilizzo di servizi digitali oltre che nel cogliere le opportunità che le tecnologie mettono a disposizione delle imprese favorendone l'innovazione.

Guarda il video.


Giornata mondiale contro la violenza sulle donne - eventi

Calendario

 

 

 


Link utili

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .

Normativa regionale

Contenuti con oggetti della pagina Argomenti .