Il sistema di previsione e allertamento
Frane e alluvioni. La protezione civile non si limita al solo soccorso in emergenza, ma si occupa anche di previsione, prevenzione ed allertamento.

In tema di rischio meteo idrogeologico e idraulico (frane e alluvioni) è stato realizzato un sistema di allertamento regionale  in cui la previsione ed il monitoraggio in tempo reale dei fenomeni meteorologici viene effettuata al  fine di prefigurare degli scenari di rischio.

 

Il livello territoriale di previsione del rischio viene effettuato su territori ritenuti omogenei per gli effetti idrogeologici e idraulici attesi. Queste zone territoriali vengono definite Zone di allerta.

 

I livelli di allerta definiti:

  • nessuna allerta - assenza di fenomeni significativi prevedibili  corrispondente al coloreverde;
  • allerta gialla - ordinaria criticità ;
  • allerta arancione - moderata criticità;
  • allerta rossa - elevata criticità;

sono di fatto degli scenari di rischio prefigurati corrispondenti a delle soglie di valori critici individuati (per esempio se per un certo valore di precipitazione, individuato come uno dei valori "critici" (soglia) si prefigura uno scenario di smottamenti localizzati, allagamenti di sottopassi, rigurgiti fognari …. questo scenario definisce un livello di allerta gialla)

Il Dipartimento di protezione civile mette a disposizione una dettagliata  tabella di allerte e relativi scenari di criticità.

 

In previsione, in caso di allerta Regioni e Comuni valutano, in base alla propria organizzazione ed al proprio territorio quale fase operativa del piano di protezione civile attivare: Attenzione, Pre-allarme, Allarme (nel caso di allerta rossa almeno Pre-allarme). La fase operativa consiste in un insieme di azioni e di strutture operative da mettere in campo per la prevenzione del rischio e la gestione dell'emergenza.

 

La tabella sottostante sintetizza i livelli di allerta del sistema regionale di protezione civile in previsione:

In previsione
Allerta Scenari attesi
  Assenza o bassa probabilità di fenomeni significativi prevedibili.
GIALLA eventi diffusi di moderata intensità o eventi circoscritti , anche intensi, di difficile localizzazione e previsione temporale.
ARANCIONE          fenomeni meteo diffusi con possibili effetti sulla stabilità dei versanti e sui corsi d'acqua
ROSSA fenomeni meteo diffusi di particolare intensità e persistenza, con conseguenti effetti  al suolo rilevanti, quali frane diffuse ed esondazione di corsi d'acqua anche principali

 

Durante un evento, a seguito delle attività di monitoraggio,  possono essere attivate le fasi operative di "Pre-allarme" e "Allarme" generalmente corrispondenti al superamento delle stesse soglie idropluviometriche.

Nel corso di un evento non si parla più di criticità attesa (livello di allerta), che è un concetto legato esclusivamente all'attività di previsione, ma si parla solo di fasi operative ovvero stati di attivazione del sistema di protezione civile.

La tabella sottostante sintetizza le fasi operative del sistema regionale di protezione civile in corso d'evento:

In monitoraggio

Fase operativa

Soglia idropluviometrica

Preallarme

superata soglia di preallarme

Allarme

superata soglia di allarme

 

L'attuale e complessa filiera di competenze e responsabilità, ai sensi della vigente normativa, vede assegnati:

  1. al sistema Stato – Regioni: la valutazione delle criticità;
  2. alle Regioni: l'allertamento (decisione, emissione dei messaggi che individuano fasi/stati/livelli di allerta);
  3. ai sistemi territoriali (Regioni, Prefetture, Province e Comuni) di protezione civile l'attivazione delle misure di prevenzione e gestione dell'emergenza;
  4. al Sindaco l'informazione alla popolazione.

 


Contatti

Centro Funzionale
Nicola Berni - Responsabile di sezione
Tel. +39 0742 630 720
Fax +39 0742 329 301

Servizio Organizzazione e sviluppo del sistema di Protezione civile
Via Romana Vecchia, 06034 Foligno (PG)
Dirigente - Borislav Vujovic
Tel. +39 0742 630701
Fax +39 0742 630790

Link utili

Conosci i rischi meteo idrogeologici e idraulici. Sei preparato ad affrontarli? Il Dipartimento di Protezione civile ti informa sui comportamenti corretti da adottare prima, durante e dopo tali fenomeni. .

Vai alla pagina dedicata.