Programma PAR FSC 2007-2013

La Regione Umbria, con DGR n. 366 del 16 aprile 2008, ha approvato il documento preliminare concernente gli indirizzi programmatici del proprio Programma Attuativo Regionale per il FAS (PAR FAS).
La proposta di scelte programmatiche su cui allocare le risorse FAS per il periodo di programmazione 2007-2013 è elaborata dal Servizio programmazione negoziata e politica di coesione, che è quindi Autorità Procedente nei riguardi del processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), parte integrante della formazione, adozione e approvazione del Programma, avviata in data 25 agosto 2008.

Il Programma Attuativo per le risorse FAS (ora PAR FSC) costituisce uno degli strumenti programmatici principali attraverso cui la Regione definisce le concrete linee di realizzazione della propria strategia di politica regionale unitaria di coesione per il periodo 2007-2013. Tale politica si inquadra coerentemente nelle indicazioni (sia tematiche che procedurali e organizzative) fornite dal Quadro strategico nazionale (QSN) del quale rappresenta una componente organica commisurata alle specificità delle condizioni strutturali di sviluppo e dei bisogni fondamentali del sistema economico, sociale e territoriale della regione.
Il documento è stato preadottato con DGR n. 1433 del 27 ottobre 2008 e adottato in via definitiva con DGR n. 189 del 23 febbraio 2009. Nella seduta del 6 marzo 2009 il CIPE ha preso atto della proposta di PAR FAS 2007-2013 presentata dalla Regione Umbria.

 

La VAS Sotto un profilo giuridico il principio guida della VAS è quello di precauzione, che consiste nell'integrazione dell'interesse ambientale rispetto agli altri interessi (tipicamente socio-economici) che determinano piani e politiche. La Direttiva sulla VAS si applica ai piani e ai programmi, non alle politiche, benché le politiche espresse nei piani vengano valutate e la procedura di VAS possa essere applicata alle politiche, ove si ritenga di farlo.
La struttura della VAS prevista dalla Direttiva si basa sulle seguenti fasi:

· Screening, verifica del fatto che un piano o programma ricada nell'ambito giuridico per il quale è prevista la VAS
· Scoping, definizione dell'ambito delle indagini necessarie per la valutazione
· Documentazione dello stato dell'ambiente, raccolta della base di conoscenze necessaria alla valutazione
· Definizione dei probabili impatti ambientali significativi, generalmente espressi in termini tendenziali, piuttosto che in valori attesi
· Informazione e consultazione del pubblico
· Interazione con il processo decisionale sulla base della valutazione
· Monitoraggio degli effetti del piano o programma dopo l'adozione.

evidenziate nel cronoprogramma aggiornato. 

La procedura VAS sui piani e programmi di competenza regionale viene effettuata nel rispetto di quanto disposto dal Decreto Legislativo 152/2006 Parte seconda come sostituita dal nuovo Decreto Legislativo 4/2008 entrato in vigore il 13 febbraio 2008.
Ai sensi del comma 2 dell'art. 7 del decreto, sono sottoposti a VAS i piani e programmi di cui all'art. 6 e in particolare:
- che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale (comma 1);
- che gestiscono la qualità dell'aria nei settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, delle acque, dei rifiuti, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli (comma 2);
- che per gli impatti sulle finalità di conservazione dei siti designati come zone di protezione speciale e su quelli classificati di importanza comunitaria rendano necessaria la valutazione ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357 e successive modificazioni (comma 2);
- quelli di cui al comma 2 che determinano l'uso di piccole aree a livello locale e per le modifiche minori degli stessi piani e programmi, in base alla verifica di assoggettabilità (comma 3);
- quelli non ricompresi nel comma 2 che definiscono il quadro di riferimento per l'autorizzazione dei progetti che possono avere effetti significativi sull'ambiente, in base alla verifica di assoggettabilità (comma 3 bis).

PARTECIPANTI

Soggetto proponente:
Area della Programmazione regionale
Servizio Programmazione negoziata e politica regionale di coesione
con la collaborazione di ARPA Umbria

Autorità procedente:
Area della Programmazione regionale
Servizio Programmazione negoziata e politica regionale di coesione
con la collaborazione di ARPA Umbria

Autorità competente alla Valutazione Ambientale Strategica:
Direzione regionale Ambiente, territorio e infrastrutture
Servizio VI - Rischio idrogeologico, cave e valutazioni ambientali

Soggetti competenti in materia ambientale:
(individuati con DD n. 7306 del 25 agosto 2008)

· Regione Umbria
Direzione regionale Ambiente, territorio e infrastrutture;
Direzione regionale Sviluppo economico e attività produttive, istruzione, formazione e lavoro;
Direzione regionale Agricoltura e foreste, aree protette, valorizzazione dei sistemi naturalistici e paesaggistici, beni e attività culturali, sport e spettacolo;
Direzione regionale Risorse umane, finanziarie e strumentali.
· Provincia di Perugia
· Provincia di Terni
· ANCI
· Comunità Montane
· Autorità di ambito ottimale delle acque: ATO Umbria 1, ATO Umbria 2, ATO Umbria 3
· Autorità di ambito rifiuti: ATO Rifiuti nn. 1, 2, 3 e 4
· Enti per la gestione delle aree regionali protette
· Ente Parco nazionale Monti Sibillini
· Direzione regionale per l'Umbria del Ministero Beni e attività culturali
· Autorità di bacino del fiume Tevere e del fiume Arno
· Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Direzione generale per la Qualità della vita

SEDUTE
9 settembre 2008
Si è tenuta presso la sala riunioni del Broletto, la prima seduta della fase di consultazione del procedimento di Valutazione Ambientale Strategico (VAS) del Programma Attuativo Regionale (PAR) Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS) organizzata dal servizio "Programmazione negoziata e politica regionale di coesione" e dal servizio "Rischio idrogeologico, cave e valutazioni ambientali"  con i soggetti competenti in materia ambientale individuati dal DGR. 383/2008 al fine di consentire la loro partecipazione attiva alla formazione del programma.
Verbale

 

DOCUMENTAZIONE
VAS-Cronoprogramma della procedura
Sintesi non tecnica definitiva (DD n. 1307 del 17 febbraio 2009-Allegato)
Rapporto ambientale definitivo (DD n. 1307 del 17 febbraio 2009-Allegato)
DD n. 1307 del 17 febbraio 2009 (Parere motivato ambientale favorevole)
Avviso di deposito degli elaborati (DGR n. 1433 del 27 ottobre 2008-Allegato)
Sintesi non tecnica (DGR n. 1433 del 27 ottobre 2008-Allegato)
Rapporto Ambientale Preliminare (DGR n. 1433 del 27 ottobre 2008-Allegato)
Questionario PAR FAS (Fase di consultazione-Informazioni da includere nel Rapporto ambientale)
BUR n. 41 del 10 settembre 2008 (Estratto)
DD n. 7306 del 25 agosto 2008 (VAS sul Programma Attuativo Regionale del FAS 2007-2013)
Allegato A-Documento preliminare (DD n. 7306 del 25 agosto 2008)
Allegato B-Indice Rapporto ambientale (DD n. 7306 del 25 agosto 2008)
DGR n. 383 del 16 aprile 2008 (Procedure di Valutazione Ambientale Strategica in ambito regionale)

L'attuazione
L'esposizione delle selte operative nel Programma Attuativo Regionale FAS è organizzata in Assi corredati da specifiche linee di azione che consentono il perseguimento e la realizzazione degli obiettivi operativi prefissati. Tali obiettivi orientano concretamente la definizione delle linee di azione che, tratteggiando la struttura degli interventi, costituiscono veri e propri dispositivi attuativi.
La definizione degli Assi è coerente con quella utilizzata nei due Programmi comunitari già adottati al fine di salvaguardare l'omogeneità dell'intero impianto programmatico a sostegno della politica regionale unitaria.

Il Comitato di sorveglianza
La sede per l'esercizio della funzione di sorveglianza è individuata in un Comitato che ha il compito di affiancare l'Organismo di programmazione e attuazione nell'attività volta a determinare la qualità e l'efficacia dell'attuazione del Programma Attuativo Regionale FAS.


Contatti

Programmazione negoziata
Palazzo Broletto - Via M.Angeloni, 61 06124 Perugia
Cristiana Corritoro
Tel. 075 5045671