umbriattiva, paparelli: "estese le politiche attive per i lavoratori umbri"

perugia -   La Giunta regionale dell'Umbria, su proposta del vice presidente ed assessore allo sviluppo economico Fabio Paparelli, ha  integrato, anche a seguito delle recenti modifiche normative intervenute a livello nazionale, il Piano regionale per le politiche attive del lavoro Umbriattiva, relativamente alla misura "Umbriattiva reimpiego". Il provvedimento dell'esecutivo prevede di estendere l'accesso agli interventi di reimpiego ad una più ampia platea di lavoratori, anche facendosi carico delle spese originariamente imputate ai programmi nazionali.

   "Umbriattiva reimpiego" prevede un primo intervento rivolto a lavoratori di aziende di rilevanza strategica regionale che impiegano oltre 100 dipendenti, oggetto di tavoli di crisi nazionali o regionali, che beneficiano della CIGS per crisi o per azioni di riorganizzazione per periodi superiori ai 6 mesi,  ovvero aziende che beneficiano della proroga del periodo di cassa integrazione guadagni straordinaria concessa alle aziende con oltre 100 dipendenti o alle aziende dell'area di crisi complessa di Terni e Narni. "La Giunta regionale – spiega Paparelli – aveva esteso questi interventi anche ai lavoratori delle imprese richiedenti la proroga dell'intervento straordinario che operano nell'area dell'Accordo di Programma per la reindustrializzazione delle zone coinvolte dalla crisi del gruppo Antonio Merloni. Ora, con l'ultima deliberazione – ha aggiunto l'assessore -  abbiamo ulteriormente ampliato la platea dei beneficiari, consentendo l'accesso alle misure anche ai lavoratori delle aziende cessate, ivi compresi quelli delle imprese fallite, che richiedono al Ministero del lavoro il trattamento straordinario previsto dal Decreto Genova, per il quale è necessaria la previsione di specifici percorsi di politica attiva del lavoro da parte della Regione". Per questi lavoratori Arpal Umbria dovrà predisporre percorsi formativi, per i quali la Regione ha stanziato 750 mila euro, finalizzati ad accrescere le competenze dei lavoratori da utilizzare all'interno del ciclo produttivo dell'azienda che ha richiesto l'intervento straordinario di integrazione salariale al fine di aumentarne la competitività.  Per i lavoratori che hanno difficoltà di rinserimento nel ciclo produttivo dell'azienda sono invece previste politiche di accompagnamento verso una nuova occupazione da parte dei Centri per l'impiego e delle agenzie per il lavoro accreditate. E' previsto un incentivo all'assunzione massimo di 10 mila euro e, se necessari all'inserimento, brevi percorsi formativi per acquisire le competenze richieste dall'azienda che offre al lavoratore una nuova opportunità occupazionale. "Per questa attività – ricorda Paparelli - la Giunta regionale aveva stanziato un milione di euro destinato originariamente solo ai lavoratori delle imprese dell'area di crisi complessa di Terni e Narni. Ora Arpal Umbria dovrà predisporre l'avviso per estendere tali percorsi di outplacement a tutti i lavoratori previsti dal nuovo atto. L'accesso alle politiche attive è subordinato in entrami i casi all'emanazione del decreto di concessione della Cassa integrazione straordinaria da parte del Ministero del lavoro nei confronti delle aziende richiedenti che avranno sottoscritto un apposito verbale con le rappresentanze sindacali e con Arpal Umbria. Spetterà ai Centri per l'impiego – conclude l'assessore - convocare i lavoratori in base delle liste fornite dalle imprese".

    L'atto dell'esecutivo modifica inoltre il secondo intervento previsto da "Umbriattiva reimpiego" a supporto dei lavoratori fuoriusciti a seguito di licenziamenti collettivi. Si tratta di misure di accompagnamento verso una nuova occupazione rivolte ai disoccupati iscritti ai Centri per l'impiego regionali  che sono percettori di Naspi al momento della richiesta,  in quanto hanno perso il lavoro a seguito di procedure di licenziamento collettivo previste dalla L.223/91 (e relative ad aziende con sede operativa nel territorio regionale con oltre 100 dipendenti; che, a prescindere dalla dimensione aziendale, hanno coinvolto all'atto dell'apertura oltre 20 lavoratori; e che hanno coinvolto all'atto dell'apertura gruppi di almeno 20 residenti in Umbria, che sono stati oggetto di licenziamenti collettivi in altre regioni). "In questo caso – afferma Paparelli - la modifica si è resa necessaria a seguito dell'entrata in vigore del Decreto legge sul reddito di cittadinanza che non consente più l'accesso all'assegno di ricollocazione ai percettori di Naspi, riservando l'assegnazione dell'assegno ai soli percettori di reddito di cittadinanza".

   Per consentire a chi ha perso il lavoro a causa di licenziamenti collettivi di poter continuare a beneficiare di politiche di reinserimento, la Giunta Regionale ha previsto apposite coperture finanziarie derivanti  dal programma operativo FSE 2014-2020 con cui si provvede anche a finanziare la formazione,  se richiesta dall'azienda che intende assumere, e l'incentivo all'assunzione che, anche in questo,  può valere fino a dieci mila  euro.  A tal fine Arpal Umbria predisporrà un avviso che avrà una dotazione complessiva di 500 mila euro, di cui 150 mila destinati alle attività di orientamento e accompagnamento al lavoro, centomila per l'eventuale formazione mirata all'inserimento e 250 mila per gli incentivi all'assunzione.