Umbri all'estero
Attività finalizzate a sviluppare i legami economici, culturali e sociali con gli umbri che vivono all'estero anche attraverso l'istituzione del Consiglio Regionale dell'emigrazione.

Umbri all'estero

Fin dal 1973, anno dell'approvazione della prima legge regionale in materia, la Regione Umbria riconosce nelle comunità dei corregionali residenti all'estero una componente essenziale della comunità umbra.

Con la Legge Regionale n. 37 del 20.11.1997 "Disciplina degli interventi a favore dei lavoratori emigrati e loro famiglie" vengono previsti una serie di interventi finalizzati a sviluppare i legami economici, culturali e sociali con gli umbri che vivono  all'estero e viene istituito  il Consiglio Regionale dell'emigrazione.

 

CRE

Il CRE è un organismo partecipativo di rappresentanti degli enti locali e delle associazioni degli emigrati che si riunisce annualmente per formulare proposte alla Giunta regionale. Sulla base di esse viene approvato il Piano annuale degli interventi a favore dei lavoratori emigrati e delle loro famiglie.

 

Associazioni

Gli interventi della Regione sono anche finalizzati al sostegno delle attività delle numerose associazioni degli umbri che costituiscono una preziosa rete di contatti nei diversi paesi di accoglimento. Tali interventi sono prevalentemente finalizzati all'offerta di formazione linguistica e culturale per i giovani, a mantenere i legami degli umbri con la terra d'origine e a valorizzarne il ruolo nell'attività di promozione dell'Umbria nei paesi di accoglimento.

Oltre che nei Paesi Europei, le Associazioni degli Umbri sono presenti anche in Nord America, America latina ed Australia.

 

Contributi a favore dei cittadini umbri residenti all'estero

La legge regionale 37/1997 prevede dei contributi a favore dei cittadini di origine umbra per nascita, per discendenza o per residenza, che abbiano vissuto all'estero per motivi di lavoro dipendente o autonomo per un periodo continuativo non inferiore a tre anni, nonché dei componenti del loro nucleo familiare.

  1. Contributi da richiedere ai Comuni

Ai sensi del comma 5 dell'art.6 della legge regionale n.37/97 la Regione rimborsa annualmente ai Comuni i contributi erogati ai cittadini di origine umbra nell'anno precedente.

  • contributi a titolo di indennità di prima sistemazione e  per la concessione di borse di studio per il reinserimento scolastico di cittadini di origine umbra che rientrano definitivamente in Umbria.

Per usufruire di tali agevolazioni è necessario presentare domanda ai Comuni di residenza entro e non oltre 180 giorni dalla data di rientro.

  • contributi fino al 50% sulle spese sostenute per il rientro di salme dall'estero.

La domanda va inoltrata al Comune di tumulazione della salma corredata dalla documentazione comprovante le spese di trasporto.

  • indennità di €77,50 per mancato guadagno per la partecipazione a ciascun turno delle consultazioni regionali, provinciali e comunali.

Per ricevere tale indennità dal Comune, l'elettore deve esibire il certificato elettorale vidimato dalla sezione dove è stato esercitato il diritto di voto e la cartolina certificante l'iscrizione tra gli elettori residenti all'estero

  1. Contributi da richiedere alla Regione Umbria.
  • contributi sui mutui stipulati per l'acquisto, la costruzione, la ristrutturazione, l'ampliamento e l'ammodernamento di una casa di civile abitazione nella regione per coloro che rientrano definitivamente (la domanda va presentata entro e non oltre 180 giorni dalla data di rientro) o che ancora risiedono all'estero
  • contributi su mutui stipulati per l'acquisto o la costruzione di strutture, finalizzati all'avvio in regione di attività imprenditoriali, volte alla produzione di beni o alla fornitura di servizi, nonché per l'avvio di attività libero professionali, per coloro che rientrano definitivamente. La domanda va presentata entro e non oltre 180 giorni dalla data di rientro.



CONTATTI

Direzione regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell'Umbria Servizio Rapporti Internazionali e Cooperazione
Palazzo Ajò – Corso Vannucci, 30 – 06121 – Perugia
Dirigente: Mauro Pianesi
Tel. +39 075 5043610 – +39 075 5046953
Fax +39 075 5043615

Sezione Cooperazione allo sviluppo, commercio equo e solidale, emigrazione
Palazzo Ajò – Corso Vannucci, 30 – 06121 – Perugia
Responsabile: Carla Piatti
Tel. +39 075504 3618 – +39 075 5046945
Fax +39 075504 3615